Plays

Leonardo-da-Vinci
Leonardo da Vinci (Anchiano, 1452 – Château du Clos Lucé, Amboise, France, 1519)

L

Italian  Leonardo e la Musica

Racconto con musica di Fernando Fracassi dedicato al cinquecentesimo anniversario dalla morte di Leonardo da Vinci (1519-2019)

Narratore e Musicista : Fernando Fracassi (Flauti antichi e moderni)

Testo: Fernando Fracassi

Musiche: Vari compositori del periodo rinascimentale, Fernando Fracassi

 

PRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO

`Leonardo e la Musica´ e´ uno spettacolo teatrale in un atto unico concepito in forma di racconto in musica allo scopo di presentare al grande pubblico il genio di Leonardo da Vinci nella ricorrenza del cinquecentesimo anniversario dalla sua morte avvenuta a Milano nel 1519. L´angolazione secondo la quale l´autore ed interprete Fernando Fracassi vede la figura di Leonardo viene circoscritta in questa rappresentazione teatrale a quella del Leonardo Da Vinci uomo, pensatore, filosofo, musicista, melomane ed acuto osservatore della nuova societa´del suo tempo, quella rinascimentale, attraverso l´ analisi delle sue manifestazioni poetiche, coreutiche, drammaturgiche e soprattutto musicali vista anche in relazione alla filosofia ed ai costumi del tempo. Partendo dal manoscritto originale di Leonardo, oggetto ancora oggi di numerosi studi scientifici e tema di grandi dibattiti tra studiosi ed intellettuali di varia provenienza, conosciuto con il nome dell´ Uomo Vitruviano´  nel quale e´ presente anche una breve composizione di Leonardo, Fernando Fracassi conduce gli spettatori nelle botteghe artigiane musicali del periodo dove venivano costruiti flauti diritti antichi, pifferi ed ottavini accanto a strumenti musicali di liuteria, spiegandone la costruzione, la prassi esecutiva e portando direttamente in scena fedeli riproduzioni di strumenti musicali di quell´eta´facenti parte della sua collezione privata. Dagli antichi laboratori di strumenti musicali, l´autore invita virtualmente il pubblico ad entrare nelle corti rinascimentali dove venivano declamate poesie, eseguite giullarate, musiche di intrattenimento e coreografati balletti contestualizzando l´evoluzione di forme musicali, poetiche e narrative nel quadro storico-politico del tempo di Leonardo ivi inclusi gli eccessi speculativi ed etici nella proliferazione di metodi e guide (come ad esempio il celebre `Galateo´ di Giovanni della Casa od il `Metodo per Flauto´ di Lorenzoni) od evidenziando i paradossi di quella societa´. L´occasione da´ cosi´modo a Fernando Fracassi di eseguire dal vivo su vari flauti musiche originali del tempo arrangiate su strumenti od accompagnamenti moderni. La figura di Leonardo costituisce dunque il fil rouge che tiene legati vari linguaggi della conoscenza del Cinquecento e dei luoghi dove Leonardo visse ed opero´ e si delinea attraverso la sua visione della vita e della stessa arte espressa in citazioni, aneddoti, riflessioni.´Leonardo e la Musica´ non presenta dunque le caratteristiche di una lezione accademica dedicata ai soli esperti, ne tanto meno i tratti di una conferenza o di un summit di studi su Leonardo. Al contrario, lo spettacolo scorre agevolmente attraverso un linguaggio essenziale, diretto e chiaro in cui ognuno, indipendentemente dal proprio bagaglio culturale, provenienza geografica o competenze puo´ conoscere il pensiero e la variegata arte di Leonardo da Vinci e della societa´ del Cinquecento che diventano vive nelle sue tele e nei suoi scritti. L´originalita´di Leonardo come architetto, ingegnere ed inventore non costituisce quindi il tema centrale dello spettacolo; al contrario, l´invenzione della stampa con il conseguente proliferare del dilettantismo musicale e dei concerti pubblici ne completano la trattazione accanto ad altri aspetti culturali. La struttura scenografica e narrativa segue le caratteristiche del grande teatro di Dario Fo e delle `Lezioni Americane´ di Italo Calvino nell´originale versione teatrale di Giorgio Albertazzi. Nessuna enfasi della scena, ridotta all´essenziale, nessun costume od artifizio teatrale sono presenti in questo spettacolo. Questo consente allo spettatore di poter assistere alla rappresentazione musicale e teatrale come se egli stesse partecipando ad una vivace conversazione tra amici i quali discutono circa Leonardo e la societa´del suo tempo attraverso il mezzo della musica, temi in cui esiste sufficiente spazio sia per la riflessione o per l´ acquisizione di nuovi contenuti che per momenti di ilarita´o ludici.

 

Brannen Headjoint 2

 

Babesch

BAch, BEethoven, SCHumann

Story with Music in two parts by Fernando Fracassi

Copyright © 2013

 

Fernando Fracassi: Flute, Piccolo, Alto Flute, Narrator

Anna Balint: Pianoforte

 

The musical depicts the History of European Instrumental Classical Music from Johann Sebastian Bach to Francis Poulenc following the structure of a story with music.

In support of the narration, it utilises live performances of which the flutes (concert flute, piccolo and alto flute) and the piano, constitute the intermediary elements.

The evolutive way of performing ‘Babesch’ becomes compulsory, joined through original or arranged compositions and extrapolated from the Chamber Music’s repertoire for concert flute, or arranged from other instruments with particular reference to the evolution of the Sonata form through the centuries.

The advantage of ‘Babesch’ is not only an opportunity to present to an audience, who is not professional, the historical context in which the major composers of the Classical Music world operated as well as their personalities and works, but especially to exit from didactical patterns or traditional fruition of the knowledge through a medium which is educational, funny and original.

In ‘Babesch’ anecdotes and other curiosities are also revealed: did you know for instance that Johann Sebastian Bach was locked up for many days for rebelling against the Duke of Sassony and Weimar? or about the bipolar disorder which affected the young Gaetano Donizetti or that Gabriel Faurè was inspired from the sadness of the painting of Diego Velásquez to create his famous Pavane op.50?

All of this, often not included in popular texts or specialised manuals with other intriguing details, are the result of a deep and direct research into sources which required the writer a period of impassioned work.

As for its destination and logistic simplicity, ‘Babesch’ is designed for every type of audience: from schools to universities (representing an important complement for the formative curriculum of the students), from libraries to cultural associations or from the audience of small concert halls to theatres.

The principal objectives of ‘Babesch’ are to introduce the layman to the amazing Classical Music panorama, to enable the listener to create his own music library in a logical way or to join to a concert with a musical background and last but not least, to widen personal knowledge in a multidisciplinary and multimedia way, starting from the simple listening of music.

‘Babesch’ is the demonstration that political history and war events influenced often the creativity and the freedom of expression of some composers but we will talk about this and much more at the Theatre.

Please note: this show is performed only in English or Italian language.

 

Italian  Babesch – Presentazione dello spettacolo

 

If you are a manager, concert organizer or artistic director of a State or private Institution, Foundation or Association, contact us to obtain the password and have free access to the protected page: Management.

Guest ´Babesch` in your place or suggest the show to the public library director or theater manager of your city. Start to organize this unmissable event from today!!!

 

 

Copyright © 2019 – fernandofracassi.com

The entire content of this site is protected by applicable copyright law.

All rights reserved.